Home

rifiuti-tossici-300x336

Italia martoriata, dove i profitti legati allo smaltimento dei rifiuti sono più importanti della salute dei cittadini e del territorio. All’interno di un Paese in cui la criminalità la fa da padrona nella gestione delle discariche, una nuova inchiesta scoperchia un’invasione di rifiuti tossici provenienti dall’Australia, dalla Slovenia e da altri Paesi dell’Est.

In questi ultimi anni, ci siamo ormai abituati ad assistere alla scoperta di orrori ambientali: discariche abusive, avvelenamenti del territorio, rifiuti tossici smaltiti illegalmente.

Nei giorni scorsi, è stata fatta luce su un sistema di smaltimento di veleni di oltre 30 milioni di tonnellate.

Una videoinchiesta, pubblicata dal Corriere della Sera, illustra chiaramente una situazione che va avanti da anni e che mette seriamente a rischio la salute della popolazione lombarda.

Il procuratore generale della Corte d’Appello di Brescia Pier Luigi Maria Dell’Osso, che fino all’anno scorso era il procuratore nazionale antimafia aggiunto, ha voluto che un pool di magistrati si occupasse dei reati connessi allo smaltimento illegale dei rifiuti tra la Lombardia e l’Emilia Romagna. Le inchieste, che riguardano prevalentemente la zona di Montichiari, sono ormai decine e attualmente sono in corso una serie di approfondimenti investigativi su alcune aziende che gestiscono discariche nella zona. Discariche che conterrebbero rifiuti tossici altamente pericolosi.

Come spiega lo storico ambientalista bresciano Marino Ruzzenenti: “Il 50% della metallurgia nazionale da rottame, cosiddetta metallurgia secondaria è concentrata in questa provincia. Lo smaltimento di queste scorie, fino agli anni Ottanta, non era assolutamente regolamentato: si entrava con un camion nella fabbrica, si prendevano i fanghi e le scorie e poi la prima buca che si incontrava li si buttava lì. La verità è che non si sapeva dove metterle e allora un po’ sono finite dai nostri amici campani e molto altro è finito qui sul territorio. Qui è cambiato il paesaggio. Questa era una zona pianeggiante ed è diventata una zona collinare: le colline sono determinate da queste enormi discariche. Quelle conosciute sono 12″.

fonte: ambientebio.it

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...